MOLECOLE

Poetico. Un lungometraggio che mira dritto al cuore. Semplici fotogrammi in grado di esprimere tutto l’amore che il regista prova nei confronti della città di Venezia e della sua famiglia. Andrea Segre grazie alla forza della sua narrazione perfettamente connesse con la tecnica registica, riesce a colpire la sensibilità dello spettatore. Venezia, una città sospesa, colma di dolore prima per le disavventure dovute all’acqua alta poi per la pandemia che ha colpito non solo lei ma tutto il mondo. Un’ autobiografia che assume una voce più grande: parlando della sua vita, della sua famiglia, della sua città parla anche delle nostre esistenze, delle nostre famiglie e delle nostre città. Documentario presentato al Festival del Cinema di Venezia di quest’anno che nonostante l’incertezza fino all’ultimo è riuscito ad esserci, segno della rinascita dell’arte del cinema dopo un periodo di forte desolazione. 

Rispondi

WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: