LA DEA FORTUNA

Ozpetek è Ozpetek: amore, passione, famiglia, amicizia, risate, pianti… vita! Due uomini, due bambini, una donna e un gruppo di amici che non fanno solo da contorno ma sono parte integrante del racconto. I temi trattati dal regista sono molteplici ed ognuno apre un mondo e racchiude sentimenti importanti che non basterebbe qualche riga e nemmeno un film per approfondirli tutti. La malattia mentale, l’omosessualità, la maternità, la morte. Una pellicola cinematografica custodia della vita e delle sue sfumature. Una vita che ci mette in difficoltà ma che ci indica sempre una via d’uscita. La paura di morire, la fine di una storia d’amore, l’incapacità di amare, l’inettitudine ma anche il coraggio e la speranza sono tutti stati d’animo che lo spettatore subisce e si trova ad affrontare con accanto una valida aiutante: la musica. La musica è una delle protagoniste, senza di lei il film non sarebbe lo stesso. La colonna sonora parla, è trasmettitore di emozioni, incalza lo spettatore dentro la scena e lo aiuta ad immergersi nel mare calmo delle sue inquietudini interiori. Jasmin Trinca eccezionale come sempre. Anche se la sua presenza sullo schermo è minore rispetto a quella degli altri personaggi è ugualmente riuscita ad essere grande sino ad aggiudicarsi il David di Donatello per la miglior attrice protagonista. Stefano Accorsi ed Edoardo Leo confermano la loro bravura e la loro ecletticità attoriale.

In “Luce Diamante” di Mina

“..perfino lontano da niente succede qualcosa..
Dove eravamo rimasti..
Aiutiamoci a ricominciare”

In “Che vita meravigliosa” di Diodato

“..questa vita mi confonde..
Ah che vita meravigliosa
Questa vita dolorosa, seducente, miracolosa.
Vita che mi spingi in mezzo al mare
Mi fai piangere e ballare come un pazzo insieme a te..
Ma sei la vita che ora ho scelto
E di questo non mi pento
Anche quando si alza il vento..”

Rispondi

WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: