IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE

In “Il colore nascosto delle cose” lo spettatore ammira una Valeria Golino come prima non l’aveva mai vista. Semplicemrente favolosa. Una storia fatta di sentimenti, scontri, pregiudizi che vengono abbattutti dopo non pochi scalini da superare. Soldini con estrema delicatezza ma anche semplicità ha saputo raccontare una storia che agli occhi dei più sembrerebbe essere qualcosa di impossibile. Il regista invece riesce a narrare una storia quotidiana come tante altre. La cecità è un ostacolo? Diventare ciechi è distruttivo? Nell’immaginario di molte persone che non conosce a fondo questa patologia la cecità viene vista come trauma insuperabile, un labirinto senza uscita, un incubo dal quale mai riuscirai a svegliarti. Ecco invece la luce. Anche i ciechi grazie alla forza interiore e agli strumenti a loro dispozione possono vedere la luce. La luce dei sentimenti, della vita, di una normalissima quotidianeità. Un film che ti dà speranza, che ti apre gli occhi su una vita diversa da quella alla quale probabilmente siamo abituati a condurre. Un film che insegna.

Rispondi

WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: